La CASA DI GIULIETTA

0

La casa di Giulietta è un edificio civile medievale situato in via Cappello a Verona, a breve distanza dalla centrale piazza delle Erbe. Si tratta di uno dei luoghi shakespeariani di Verona, insieme alla tomba di Giulietta e alla casa di Romeo, legato all’ideale universale e positivo dell’amore e per questo divenuto meta di un pellegrinaggio laico e popolare, tanto da essere il monumento più visitato della città.

La casa di Giulietta è un edificio civile medievale situato in via Cappello a Verona, a breve distanza dalla centrale piazza delle Erbe. Si tratta di uno dei luoghi shakespeariani di Verona, insieme alla tomba di Giulietta e alla casa di Romeo, legato all’ideale universale e positivo dell’amore e per questo divenuto meta di un pellegrinaggio laico e popolare, tanto da essere il monumento più visitato della città.

La Casa di Giulietta a Verona ( Casa di Giulietta di Verona in italiano )  è un museo del 1905 in una dimora signorile del XII secolo , con il suo famoso balcone ricostruito , a Verona , nella regione Veneto , dove avrebbe potuto aver luogo la tragedia teatrale Romeo e Giulietta di William Shakespeare , pubblicata nel 1597 .

L’edificio che ospita la casa di Giulietta è una casatorre di origine medievale, la cui presenza è attestata per la prima volta in documenti datati al 1351. Nella casatorre era presente la locanda “del Cappello”, di proprietà degli eredi di Antonio Cappello, testimoniata anche dalla presenza dello stemma del copricapo sulla chiave di volta dell’arco che affaccia verso il cortile interno. Fu proprio a causa dello stemma del cappello che tra XVIII e XIX secolo, quando si svolse la ricerca dei luoghi legati alla tragedia shakespeariana.

Storia 

Nel xii secolo fu costruito  questo palazzo in Via Cappello, molto vicino a Piazza delle Erbe nel centro storico di Verona , dalla famiglia della nobiltà italiana Dal Cappello (forse Capuleti ), il cui stemma è scolpito sulla chiave di volta di l’arco interno del cortile.

Nel  XVI secolo William Shakespeare ( 1564-1616) pubblicò la sua tragedia teatrale Romeo e Giulietta , la cui azione ambientò a Verona . nel xix secolo la città sarebbe diventata  la città romantica più famosa al mondo, chiamata la “città degli innamorati di Verona”.

Nell’Ottocento  la consonanza tra Dal Cappello e Capuleti indusse alcuni a credere che questa residenza potesse essere quella di Giulietta Capuleti , dove quest’ultima ascoltava il suo amante Romeo Montaigu corteggiarla e dichiararle ai suoi piedi il suo amore. del suo balcone. È in questa residenza che gli innamorati si promettono amore eterno . Shakespeare non ha mai messo piede a Verona e la sua opera è puramente immaginaria.

Nel 1905 la casa fu trasformata in museo, con notevole attrazione turistica. Tra il 1936 e il 1940 lo storico Antonio Avena restaurò completamente la residenza in modo pittoresco e aggiunse il balcone alla facciata del cortile interno. Il museo è arredato nel tempo con mobili del xvi xvii secolo  , dipinti e incisioni che ripercorrono la storia di Romeo e Giulietta, costumi d’epoca tratti dal film Romeo e Giulietta realizzato nel 1968 da Franco Zeffirelli , e ceramiche rinascimentali veronesi.

Gli innamorati che arrivano si baciano sul balcone e si fanno una foto con la statua in bronzo di Giulietta, dello scultore Nereo Costantini, in fondo al cortile. Le donne devono, per tradizione superstiziosa , toccarle il seno destro per portare loro felicità, amore eterno e fertilità. Si ritiene che la statua porti fortuna ai single in cerca di amore. L’edificio è ricoperto di auguri d’amore e graffiti multicolori lasciati dagli innamorati.

A Romeo Montaigu è attribuito un castello privato in un vicolo lontano dal centro storico di Verona, appartenuto alla famiglia Montecchi . Una presunta tomba vuota di Giulietta, in marmo rosso, può essere visitata nel monastero di San Francesco in Corso del xiii secolo , dove si  dice che i due amanti abbiano concluso la loro vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *